“Alta velocità, non tagliare fuori il Vercellese”

Maura Forte: “Stazione intermedia anche da noi”.

Il sindaco di Vercelli Maura Forte è intervenuta sulla questione “Alta Velocità”, dopo la notizia di una possibile stazione intermedia nell’area di Chivasso. Sarebbe una conferma di quanto già si sussurrava da tempo. «Senza nulla togliere naturalmente alle legittime aspirazioni dei territori del Chivassese e del Canavese, mi sento di aderire all’appello della senatrice uscente Nicoletta Favero teso ad evitare che il Piemonte orientale venga tagliato fuori da una possibilità di tal genere che offrirebbe, qualora percorribile, nuove e indubbie prospettive sotto gli aspetti turistico e industriale e commerciale del nostro territorio che significa Vercellese, Biellese, Novarese, VCO, Valsesia, Monferrato per un bacino di potenziali utenti di più di un milione di persone», afferma Maura Forte. Il primo cittadino di Vercelli ha anche spostato la sua attenzione, legata all’alta velocità, sulla possibilità che il Piemonte possa ospitare i Giochi Olimpici invernali: «Proprio in queste settimane si sta parlando di Olimpiadi tra Torino e Milano: è sufficiente pensare a quale indotto un evento di tali proporzioni potrebbe causare se adeguatamente serviti da una fermata del treni ad alta velocità. Peraltro, non so quanto potrebbe essere opportuna una sosta a Chivasso, pochi chilometri da Torino, sulla tratta verso Milano. Meglio, ritengo, la zona di Carisio che inoltre è anche un nodo autostradale molto importante. Tale ipotesi alleggerirebbe altresì la linea classica Torino – Milano a beneficio dei numerosissimi pendolari che vivono spesso situazioni ormai al limite della sopportazione». Il futuro della questione è già disegnato, secondo quanto afferma la Forte: «Intendo quindi muovermi nei prossimi giorni con colleghi Sindaci, Consiglieri Regionali, parlamentari del territorio, rappresentanti istituzionali per capire se c’è adesione a questa ipotesi progettuale e quali passi compiere nei confronti di Rete Ferroviaria Italiana».