“Nuovo appalto a Iren: la Giunta è antidemocratica”

Comunicato di parte della minoranza.

VERCELLI – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa firmato da una parte della minoranza del consiglio comunale di Vercelli riguardante i rapporti Comune-Iren.

«I Consiglieri Comunali, rappresentanti eletti dei cittadini, avevano deciso nel Consiglio Comunale del 24 Novembre 2017 di indirizzare il Sindaco e la Giunta con una serie di azioni, tramite l’approvazione all’unanimità della Delibera Consiliare n.103 presentata dalla Lega assieme a M5S, FI, Siamo Vercelli, e votata anche da Vercelli Amica e da parti della maggioranza quindi da tutti i gruppi consiliari presenti in aula con Marino, Capra, Naso, Campominosi, Massa, Comella, Perfumo, Simonetti, Torazzo, Catricalà, Stecco, Piccioni, Malinverni, Raviglione, Zanoni, Sirianni, Randazzo, Demaria, Materi che indirizzava il Sindaco e la Giunta a serie di azioni nei rapporti tra Atena e il Comune, necessarie e urgenti in quanto alla fine del biennio dopo la cessione della Maggioranza delle quote di Atena ad IREN, il livello di insoddisfazione era giunto al culmine per tutti i cittadini e di conseguenza per tutti i gruppi consiliari che li rappresentano in Aula.
La deliberazione dava mandato al Sindaco per :
1) adottare tutte le necessarie e legittime procedure per intervenire su Atena per garantire il rispetto degli impegni presi con il Comune di Vercelli e, a seguito di accurate verifiche, il rispetto degli oneri contrattuali in corso;
2) rivalersi nelle opportune sedi per eventuale mancato rispetto dei patti parasociali e degli impegni assunti da Atena nel Piano Industriale con gli investimenti sul territorio, ove si configurasse un danno per il tessuto sociale ed economico della Città;
3) intervenire su AD e CDA di Atena richiedendo spiegazioni in merito a eventuali decisioni che determinino riduzione o mancato incremento dei posti di lavoro;
4) coinvolgere attivamente la I e la V commissione nel processo di programmazione, attuazione e gestione di un moderno ed efficiente servizio di raccolta differenziata,
fornendo ai membri e ai capogruppo un piano economico-finanziario, che riguardi anche le modalità di attuazione;
5) acquisire da Atena entro e non oltre 30 giorni dall’approvazione della presente mozione le linee strategiche di sviluppo aggiornate, corredate da investimenti economici, impatto occupazionale, almeno in linea con i valori inizialmente previsti, e tempi di attuazione;
6) presentare le suddette linee strategiche al Consiglio comunale nella prima seduta utile successiva, e monitorarne l’attuazione secondo quanto già approvato con la mozione del 26 ottobre 2017;
7) inviare copia della presente mozione ai vertici aziendali di Atena / Iren, al Presidente della Provincia di Vercelli e al Prefetto, oltre a tutti i Comuni che abbiano una partecipazione in Atena e IREN assieme ad un documento elaborato successivamente con il vaglio della Conferenza dei Capigruppo che riporti le posizioni politiche espresse dalle forze politiche nel Consiglio Comunale.
Abbiamo appreso che la Giunta come se niente fosse e un po’ alla chetichella, in data 8 agosto avrebbe recepito, attraverso la DGC 273, la proposta di Atena di finanziare la raccolta domiciliare della Plastica pagando ad Atena circa 600.000 euro per la fine di quest’anno ed il prossimo biennio, di soldi dei contribuenti.
Sul tema il Consiglio Comunale aveva dato chiaro mandato attraverso tutti i gruppi consiliari, al Sindaco, di confrontarsi in futuro prima di ogni decisione, condividendo strategie e piano economico-finanziario. Riteniamo questo atto una ferita al funzionamento democratico dell’organo del Consiglio Comunale di Vercelli, in quanto evidentemente il Sindaco e la sua Giunta decidono di passare sopra le decisioni prese in Aula Consiliare peraltro all’unanimità dei votantii.
Se questa è la Democrazia come intesa da alcuni rappresentanti del Partito Democratico, non è certo quello che i Cittadini e i loro rappresentanti eletti si aspettano. Su questo tema pertanto daremo battaglia, in tutte le dovute sedi, perché riteniamo inaccettabile quanto avvenuto».

Alessandro Stecco (Lega Nord) – Michelangelo Catricalà (Movimento 5 Stelle) – Maurizio Randazzo (Vercelli Amica)

09/08/2018 – 22,59